Dal cibo industriale ad un alimentazione più sana e naturale: come affrontare il cambiamento

PicsArt_05-09-05.57.13

 

Se non avete ancora visto come ho riempito i miei social di cibo e ricette sane è il momento di farlo, una delle mie grandi passioni oltre al babywearing ed al mondo homemade.

Ho iniziato ad approcciarmi ad un alimentazione più  naturale con lo svezzamento di Aylin; ve ne ho ancora parlato, di come all’epoca abbiamo affrontato l’auto-svezzamento. Spesso ho condiviso le ricette, e mano a mano che la mia alimentazione cambia stanno cambiando anche loro.

Giusto un anno fa ho intrapreso un percorso che ancora oggi è solo all’inizio, attraverso diversi corsi di cucina naturale tra i quali quello tenuto dall’associazione “Sorgente di Vita” di Carpi in collaborazione con “QucinaBenessere” di Rubiera.

E già con i primi incontri mi si è aperto un mondo. Un mondo di sapori nuovi, elementi dai nomi strani ma dai magici poteri curativi e benefici, tante idee e soprattutto una nuova consapevolezza: ogni cibo ha un effetto ben preciso sul nostro corpo e se impariamo a prenderci cura di lui ne giova non solo la salute fisica ma anche quella mentale e spirituale.

“Siamo fatti di ciò che mangiamo” fu uno dei primi insegnamenti e da allora la mia fame di conoscenza in questo campo non si è più fermata.
Certo non è facile cambiare l’alimentazione che per decenni ci è stata impartita dalla grande distribuzione dell’industria alimentare.
Spesso ci si scoraggia di fronte ai primi ostacoli, le informazioni che si reperiscono facilmente sull’alimentazione possono distrarre e confondere, le opinioni dei nutrizionisti non sono univoche e si diffonde un grande senso di disorientamento.
Occorre da subito capire che il primo step da fare è un grande passo indietro, un ritorno alle “origini” ci può aiutare a capire quali sono gli alimenti che vanno bene per il nostro organismo e quali evitare. Consiglio di informarsi bene attraverso poche letture ma ben mirate come: Il grande libro dell’ecosistema di Carlo Guglielmo, Il cibo dell’uomo di Franco Berrino  e Macrobiotica moderna di Roberto Marocchesi.
Questi libri ci spiegano molto bene come i cibi raffinati dell’età moderna ammalano il nostro corpo e quale strada prendere se si desidera cambiare stile di vita anche e soprattutto attraverso una cucina più naturale. Molta della loro cucina e della loro filosofia si basa sull’alimentazione macrobiotica e i loro testi sono fondamentali per capire come dovrebbe essere una corretta alimentazione.
In principio, quindi, il mio obbiettivo è stato smettere di acquistare alimenti confezionati, pensando proprio a come si mangiava prima dell’industrializzazione, una vita fatta di alimenti della terra del proprio campo, scambiati con le prime monete o dapprima tramite il baratto delle proprie auto-produzioni o servizi.
Presto ho capito di voler vivere solo di verdura, cereali integrali( in chicco, farina o pasta), legumi, frutta e qualche uovo di gallina felice, poco pesce e raramente della carne.
Si rende quindi necessario riordinare la  dispensa, la mia prima relazione fu quella di voler buttare tutto. Consiglio di non farlo, il cibo è vita e buttarlo è davvero uno spreco troppo grande.
Per quanto riguarda i prodotti confezionati chiusi ho donato tutto ai meno fortunati, la farina bianca e sale raffinato li ho tenuti per creare la pasta sale per la mia bimba.
Lo  zucchero ed il miele che ho eliminato dalla mia alimentazione li uso spesso per pelle e capelli fino a quando non li ho finiti. Potete usarli sulla pelle unendoli insieme ad un goccio di olio di oliva per un ottimo scrub e negli impacchi di henné sui capelli per idratare.
I dolci sono stati destinati ai pacchettini natalizi ed il resto consumato poco alla volta in presenza di ospiti che ancora si dovevano adattare al nostro cambiamento. Ora quando ceniamo insieme consumano piacevolmente con noi ingredienti più sani.
Vi lascio di seguito una piramide dei cibi da preferire.
piramide_Kushi
Piramide di Kushi
 Vi invito a seguire i blog di Silvia Petruzzelli e di Dealma Franceschini sempre pieni di idee golose quanto sane.
Aspetto le vostre domande e le vostre opinioni!
Come sempre un abbraccio da me e polpetta =)

Rispondi